I terremoti più disastrosi del XX e XXI secolo

In questo periodo abbiamo potuto toccare con mano, ancora una volta, cosa rappresenti un terremoto e quali danni, soprattutto alle vite umane, può portarsi dietro. Abbiamo pensato fosse interessante sapere, in questo e nel secolo scorso, quali eventi fossero da considerare ai vertici di una classifica decisamente desolante. Prendendo come parametro il numero ufficiale di vittime dichiarate nei singoli eventi.

 

  1. Port-au-Prince, Haiti (2010) – 316.000 morti
  2. Tangshan, Cina (1976) – 255.000 morti
  3. Sumatra settentrionale, Indonesia (2004) – 230.000 morti
  4. Haiyuan, Cina (1920) – 200.000 morti (dal punto di vista degli effetti, questo terremoto è stato classificato al massimo grado della scala Mercalli, il dodicesimo)
  5. Qinghai, Cina (1927) – 200.000 morti
  6. Kanto, Giappone (1923) – 143.000 morti
  7. Messina e Reggio Calabria, Italia (1908) – 120.000 morti
  8. Ashgabat, Turkmenistan (1948) – 110.000 morti
  9. Sichuan orientale, Cina (2008) – 88.000 morti
  10. Muzzarrafad, Pakistan e India (2005) – 86.000 morti
  11. Gansu, Cina (1932) – 70.000 morti
  12. Chimbote, Perù (1970) – 70.000 morti
  13. Iran occidentale (1990) – 45.000 morti
  14. Gulang, Cina (1927) – 41.000 morti
  15. Avezzano, Italia (1915) – 33.000 morti
  16. Erzincan, Turchia (1939) – 33.000 morti
  17. Bam, Iran (2003) – 31.000 morti
  18. Quetta, Pakistan (1935) – 30.000 morti
  19. Chillan, Cile (1939) – 28.000 morti
  20. Sendai, Giappone (2011) – 27.000 morti (non confermati)
  21. Spitak, Armenia (1988) – 25.000 morti
  22. Guatemala (1976) – 23.000 morti
  23. Cina (1974) – 20.000 morti
  24. Gujarat, India (2001) – 20.000 morti
  25. Kangra, India (1905) – 19.000 morti
  26. Karamursel/Golyaka, Turchia (1999) – 17.000 morti
  27. India, (1993) – 16.000 morti
  28. Agadir, Marocco (1960) – 15.000 morti
  29. Tabas, Iran (1978) – 15.000 morti
  30. Qazvin, Iran (1962) – 12.500 morti
  31. Qaratog, Tagikistan (1907) – 12.000 morti
  32. Khait, Tajikistan (1949) – 12.000 morti
  33. Bihar, India-Nepal (1934) – 11.000 morti
  34. Fuyun, Xinjiang (Sinkiang), Cina (1931) – 10.000 morti
  35. Dasht-e Bayaz, Iran (1968) – 10.000 morti
  36. Tonghai, Yunnan, Cina (1970) – 10.000 morti
(fonte Wikipedia)

Leave A Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *