Terremoto del Belice 1968 – 2016 (?)

Nel mese di gennaio del 1968 ebbe inizio in Sicilia occidentale un lungo periodo sismico che terminò nel mese di febbraio del 1969, caratterizzato da numerose scosse, le più forti delle quali si verificarono tra il 14 ed il 25 gennaio 1968.
Il 14 gennaio 1968 furono avvertite le prime scosse: tremò tutta la Sicilia occidentale, non si registrarono crolli ma la gente fu presa dal panico e decise, fortunatamente, di dormire all’aperto, avvolta in coperte o in macchina, sulle piazze dei paesi o in aperta campagna. In piena notte, infatti, si verificò una scossa violentissima che colpì la Valle del Belice, dove subirono danni gravissimi Gibellina, Salaparuta, S. Ninfa, Montevago, Partanna, Poggioreale e Santa Margherita Belice, compresi nei territori delle province di Trapani ed Agrigento che, all’epoca del terremoto, non erano classificati sismici. Il 90% del patrimonio edilizio rurale subì danni irreparabili, con gravi ripercussioni sull’economia quasi esclusivamente agricola dell’area. Sulla gravità del danno pesarono le caratteristiche costruttive e la vetustà degli edifici, realizzati in pietra squadrata con insufficiente malta cementizia, assenza di collegamenti tra le parti strutturali e fondazioni inadeguate.

Il 25 gennaio alle ore 10.52 una replica inaspettata, dell’VIII grado MCS, travolse una squadra di soccorritori all’opera tra le macerie, provocando la morte di un vigile del fuoco. La scossa provocò inoltre danni a Sciacca ed a Palermo, dove si svuotarono le scuole, gli uffici, le abitazioni e si tornò a dormire all’aperto.

Quanto precede lo ricordiamo perché nell’anno 2016 (duemilasedici) in occasione del terremoto che ha colpito la zona centrale dell’Italia (fortemente  e notoriamente molto sismica) abbiamo sentito dire che di tutte le persone che dovettero essere sfollate 48 anni fa in Sicilia, rimane un 10% che si trova ancora privo di una sistemazione definitiva. Non so se è chiaro il concetto. Se mezzo secolo fa 100 persone erano senza casa, mezzo secolo dopo 10 di loro sono ancora senza una vera casa. Forse non è il caso di aggiungere altro e di esprimere solamente la propria sensazione più evidente. Renzi ha detto in questi giorni: ” Ricostruiremo Amatrice pezzo per pezzo… “… chi è più veloce a ridere gli offro il caffè.

Leave A Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *